Un grande gruppo industriale installerà per la fine di quest’anno presso la propria sede 10 impianti di cogenerazione compreso periferiche della ditta bavarese Spanner Re² GmbH. Così la Spanner Re² realizzerà in collaborazione con la filiale giapponese Spanner KK un ulteriore grande progetto per la produzione di corrente elettrica ed energia termica in Giappone.

Neufahrn i. NB. Spanner Re² produce e commercializza impianti altamente efficienti i quali, sulla base della cogenerazione, producono corrente elettrica ed energia termica. La tecnologia patentata fornisce ormai a livello mondiale energia e questo a base su cippato di legno, pellet o bricchetti.

La Spanner Re² si intende come fornitore completo nel settore della cogenerazione e fornisce ai propri clienti sistemi completi i quali si sono ormai affermati. Il portafoglio della Spanner Re² comprende impianti di essiccazione del cippato completamente automatizzati, sistemi di trasporto del cippato, estrazione delle scorie fino ad impianti in batteria – cosiddette cascate – e soluzioni containerizzate e premontate (EnergyBlock). La Spanner Re² si è affermata come uno dei primari produttori di cogeneratori a biomassa legnosa per soluzioni singole come anche nella realizzazione di grandi progetti.

„Assicurarsi come cliente un grande gruppo industriale giapponese con oltre 10.000 dipendenti e per noi un particolare riconoscimento e anche una conferma”, comunica Bernhard Seiler, direttore progetti e logistica di Spanner Re² con orgoglio. “Il nostro cliente vorrebbe ampliare il proprio valore aggiunto e generare in modo sostenibile ed economico energia. Proprio questo è possibile grazie alla nostra tecnologia. Inoltre possiamo mettere a disposizione tutta la nostra esperienza nella progettazione”, continua Seiler.

10 impianti di cogenerazione con una resa complessiva di 490 kWel e ca. 1,1 MWth, nonché tecnologia per il trasporto del cippato, l’estrazione delle scorie e un impianto di essiccazione completamente automatizzato – tutto abbinato al progetto – verranno installati entro la fine dell’ anno in Giappone. Con l’energia termica prodotta il cliente alimenterà diverse serre sul posto. La corrente elettrica invece verrà immessa, contro incentivo, nella rete elettrica pubblica.

Rispetto ad un grande impianto unico, una soluzione a batteria di Re² produce continuamente energia, in quanto i lavori di manutenzione possono essere fatti in parallelo. Inoltre non sono necessari costosi interventi in quanto i lavori di manutenzione possono essere effettuato al 100% da soli e inoltre il sistema può essere aumentato di ulteriori impianti in modo da adeguarsi alle necessità del cliente.

„Il progetto è sia per Spanner Re², come anche per noi una pietra miliare nel campo dei grandi progetti”, così Oskar Bartenstein, proprietario della filiale giapponese Spanner KK. “Già al inizio di quest’anno è partito il primo grande progetto con 25 impianti di cogenerazione in Gappone – con il nuovo ordine si vede la dinamica e il grande potenziale che offre il mercato asiatico per produrre energia elettrica e termica dal legno disponibile in grandi quantità a livello regionale”, così Bartenstein.

 
japan picture 2 spanner re gmbh